Con la seconda settimana di Agosto, l’agronomo della Ciudad de los Niños, Gregorio, con un piccolo gruppo di muratori, Ramiro e i ragazzi Paolo, Rodolfo, Beimar e Ronald, hanno inziziato gli scavi per la realizzazione del sistema di irrigazione a goccia, per i nostri orti. Stiamo coltivando il sogno non solo di migliorare la qualità dei  nostri ortaggi sfruttando al meglio l’acqua che possediamo, ma anche di poter aumentare la quantità e la qualità dei nostri prodotti ortofrutticoli… potendo così prestare un servizio anche alle famiglie di origine dei nostri ragazzi e a quelle che vivono nel quartiere.

Coltivare la terra, creare solchi perchè si possa seminare, tenere la pazienza saggia e premurosa del contadino, aver cura di piccoli steli che germogliano… questa è l’arte di chi “impasta”la terra con le sue mani, nude e spesso callose.

Simile all’arte di educare… coltivare con pazienza e fiducia, confidare nell’altro, credere in Dio che provvede e conosce le vere necessità, accettare che il raccolto non sempre sarà secondo la nostra lógica.

Goccia dopo goccia si rinnoverà il prodigio della raccolta, secondo la sua stagione, secondo le età di ogni esistenza umana.