A Cochabamba sono accolti circa 80 ragazzi che vivono in 8 CASE FAMIGLIA che sono piccole unità abitative strutturate secondo un modello familiare, accompagnati nel loro processo da educatori che svolgono il ruolo di genitori, da un’equipe multidisciplinare composta da psicologi, assistente sociale e psico-pedagoga, sotto il coordinamento del direttore generale. All’interno della Ciudad c’è la scuola aperta al territorio che offre un servizio educativo di qualità per circa un migliaio di ragazzi tra i 4 e i 18 anni.

Nella regione amazzonica di cochabamba c’è la CASA FAMIGLIA SAN RAFAEL che ospita ad oggi 10 minori provenienti dalle zone rurali e dalle comunità presenti nella zona. La gestione di questa casa rappresenta un considerevole investimento di risorse e personale a causa della distanza dalal casa centrale.

Progetto Emmaus

E’ composto da tre fasi successive:

  • CASE GIOVANILI sono due realtà esterne: CASA EMMAUS per l’accoglienza maschile e CASA GELMI per l’accoglienza femminile con 24 adolescenti, dai 16 ai 18 anni, cresciuti nelle case famiglia della Ciudad de los Ninos, i quali sono accompagnati verso un percorso di semi-autonomia seguiti dagli educatori.
  • Il percorso di semi-autonomia si completa alla maggior età con una convivenza in APPARTAMENTI DI SEMI-INDIPENDENZA.
  • ACCOMPAGNAMNETO VITA INDIPENDENTE per i giovani con sostegno nell’affitto di una stanza, nell’università, nel servizio militare, nel lavoro.

 

Negli ultimi anni La Ciudad de los Ninos si è finanziata prevalentemente attraverso l’alienazione di immobili e terreni propri, oltre ai contributi provenienti dal Psv di Bergamo.

L’altra fo9nte di finanziamento che genera ingressi costanti è rappresentata dal contributo pubblico pari al 10% del costo della missione. In questo contesto è necessario identificare fonti di finanziamento nuove e alternative che possano generare entrate sicure e continuative nel tempo.

 

Questi sono i progetti aperti per contribuire al finanziamento della struttura: