I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per ulteriori informazioni leggi la Privacy Policy

  • img
  • img
  • img

Quando nel 1983 ho accettato la carica di presidente dell’Associazione ex-allievi del Patronato S.V. non avrei mai immaginato che quasi trent’anni dopo, nell’anno 2012 mi sarebbe stata concessa ancora la possibilità di comunicare tramite il nostro “Bollettino” con la grande famiglia degli ex-allievi, amici e benefattori. Da allora molti amici, sacerdoti e laici ci hanno lasciato; molti volti nuovi vivono in questa grande famiglia che diventa sempre più numerosa e bisognosa dell’aiuto di tutti. Se ognuna delle persone che hanno vissuto per anni in questa grande casa potesse oggi varcare la soglia del Patronato, entrare nel vivo di ogni attività che vi si svolge, rimarrebbe stupito e proiettato in un mondo nuovo rispetto a quello conosciuto, ma ugualmente bello e affascinante. Oltre alle centinaia di ragazzi, giovani e adulti bergamaschi che nel Patronato continuano a trovare la possibilità di studiare e di prepararsi alla vita e al lavoro, vedrebbe un’altra moltitudine di persone provenienti da decine di Paesi e dai cinque Continenti del mondo, che in questa Istituzione hanno trovato rifugio, scuola, mensa e una buona parola che aiuti a riprendere il cammino interrotto da tante difficoltà. La carità e il carisma di don Bepo continuano tramite i suoi successori che hanno fatto della loro vita un dono a quanti hanno bisogno non solo di un tetto, di cibo e d’aiuto, ma anche, anzi soprattutto, di cariño (affetto). Termino con un invito: desidererei essere sollevato dall’incarico di Presidente affinché uno più giovane possa continuare a essere di aiuto agli ex- allievi che sono nel bisogno e sostenere l’opera del Patronato nelle sue diverse case. L’associazione ex-allievi ha bisogno di nuova linfa: non ci sono cariche né elezioni… basta che qualcuno di buona volontà offra un po’ di tempo e di aiuto. Siamo diventati anziani, è vero, ma ciò non toglie che continuiamo a sentire il dovere di ringraziare, aiutare e restituire il tanto bene che abbiamo ricevuto.  

Mario Cavallini – Presidente ex-allievi