La Provvidenza si fa incontenibile
    Una realtà come il Patronato S. Vincenzo riesce ad andare avanti grazie alla misteriosa Provvidenza divina, che è concreta ed efficace sempre, ma che a Natale si fa incontenibile, perché la gioia di Dio per la nascita del Figlio contagia tutti e il contagio genera infiniti gesti di amore e solidarietà. Ne raccontiamo tre, ma […]
    Leggi di più
    Dio insultato e la sopportazione del prete
    Un prete in veste talare si avvia verso il Patronato in compagna di alcuni ospiti italiani e stranieri, seguito a poche decine di metri di distanza da un gruppetto di adolescenti. D’improvviso alle loro spalle risuona forte una bestemmia, pesante e volgare: il sacerdote si volta giusto in tempo per vedere i ragazzi darsela a […]
    Leggi di più
    Come ci vedono gli stranieri
    A. del Bangladesh: L’Italia è un bel paese, mi piace molto. Questo paese ha tante cose bellissime, ad esempio la politica è buona. Mi piacciono le stagioni. Le stagioni sono quattro, mi piace la primavera perché non fa caldo. L’Italia è un grande paese, ci sono tante fabbriche, c’è tanto lavoro. Però a me dispiace […]
    Leggi di più
    Se non lo perdono adesso quando?
    E’ un africano di stazza imponente che incute una certa soggezione, ma in fondo è un pezzo di pane, tanto che qualcuno lo considera un po’ tonto. Da qualche giorno si fasciava il viso con una sciarpa: “Cosa ti è successo?” gli chiedevamo, ma lui era evasivo. Siccome la pelle del volto presentava un’irritazione diffusa, […]
    Leggi di più
    La Vita non vita di un giocatore d’azzardo
    Oggi proponiamo la commovente poesia di un anonimo giocatore che insieme alla sofferenza per la sua condizione, esprime in essa il suo struggente desiderio di affrancarsi dalla dipendenza dal gioco e la speranza, spesso frustrata, ma mai doma, di una vita libera. La proponiamo ai lettori insieme alla dedica e agli auguri dell’autore che, pur […]
    Leggi di più
    Chi dice sì e non capisce
      Chiedo a un ragazzo africano di darmi una mano e gli spiego che si tratta di fare un lavoretto piuttosto semplice, un po’ noioso, ma che esige cura e precisione “Sei disposto ad aiutarmi?” chiedo e gli ripeto tutto per filo e per segno. “I understand, don’t worry” (Ho capito, non preoccuparti) risponde e […]
    Leggi di più
    E adesso chi lo dice al mister?
    Il ragazzo (12-13 anni) entra baldanzoso nel bar dell’oratorio seguito dalla mamma che arranca per il peso di uno di quei borsoni sportivi così enormi da far pensare che contengano non solo il necessario per il gioco, ma anche parte del campo sportivo. Il ragazzo afferra la borsa senza un grazie (trattar bene sua madre […]
    Leggi di più
    Il funerale della nonna
    “Devo andare in Marocco perché mia nonna sta morendo”. Sebbene non lo dica, è evidente che il viaggio potrà farlo solo se lo aiuto a pagare il biglietto. Metto le mani avanti: “Fammi capire: la nonna che sta male è quella che ti ha ceduto a uno perché ti portasse in Italia?”. “E’ lei – […]
    Leggi di più
    Coniugare i verbi, una sorpresa
    Scuola di italiano per stranieri: a tema ci sono i verbi della prima e seconda coniugazione cioè quelli che terminano in –are e in –ere. “Chi mi sa dire un verbo della prima coniugazione?”. Le risposte non si fanno attendere: “Andare…mangiare…cantare…lavorare”. “Ok –fa l’insegnante- Vedo che avete capito: tutti i verbi che terminano in –are […]
    Leggi di più
    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com