L’attesa porta le giuste risposte
    Una signora visibilmente in ansia mi fa: “Ho urgenza di parlare con lei su un mio problema personale: riesce a dedicarmi un po’ di tempo?”. “Senz’altro – rispondo- subito dopo la Messa”. La donna appare contrariata, ma si rassegna a prendere posto fra i banchi e ad aspettare la conclusione del rito. Alla fine la […]
    Leggi di più
    Sono vecchio,non spreco energie
    “Certe situazioni farebbero perdere la pazienza anche a Giobbe” dico a me stesso per giustificarmi delle tante mie arrabbiature. Ma questa giustificazione ha cominciato a fare acqua qualche giorno fa: ero fermo al semaforo in attesa del verde, quando sul lato opposto della via ho notato un nostro ospite che camminando, urtava involontariamente un passante […]
    Leggi di più
    Prima regola per neo assunti
    Permesso di soggiorno e buona volontà non erano stati sufficienti a procurargli un regolare contratto di lavoro fino a quando a una famiglia che cercava un badante, avevamo proposto quest’ africano di piccola stazza ma di grande disponibilità. L’avevano accettato e così per la prima volta dal suo arrivo in Italia era stato assunto come […]
    Leggi di più
    Chi ha buon tempo è arrabbiato
    Attende seduto sulla panchina, appoggiandosi alla stampella: del resto con la gamba destra ingessata e il braccio sinistro steccato non potrebbe fare altro. “Cosa ti è successo?” chiedo. “Una disattenzione e una brutta caduta…ma adesso sto meglio e sono venuto a trovarti”. Si parla a lungo e un’ora dopo, un’auto entra in cortile: “Sono venuti […]
    Leggi di più
    Il bullo fila via come un coniglio
    Il semaforo segna giallo e l’auto prima accelera, poi frena d’improvviso fermandosi abbondantemente oltre la linea dello stop: alla guida c’è una giovane donna e sul sedile posteriore un bimbo, suo figlio probabilmente. Un ragazzo in motorino sorpassa tutti e si piazza davanti all’auto: nonostante casco e occhiali scuri, si indovina un’età di 15/16 anni. […]
    Leggi di più
    Qunado gli occhi parlano più delle parole
    Ore 3,30 della notte: tra tuoni e fulmini il temporale si scatena violentissimo e in pochi minuti l’acqua mi arriva ai piedi del letto. Mi alzo per chiudere porte e finestre e guardo giù nel cortile: rannicchiato in un angolo nel tentativo di ripararsi, scorgo un nero corpulento e riconosco il giovane africano arrivato giorni […]
    Leggi di più
    Chi ha detto che la cavalleria è morta?
    Da qualche settimana sono in atto i lavori di ristrutturazione della portineria, non più adeguata al flusso delle migliaia di persone che ogni giorno entrano ed escono, così che il traffico pedonale e automobilistico provvisoriamente è stato convogliato attraverso due passaggi secondari. Ai portinai è stato raccomandato di assolvere il loro compito con scrupolo e […]
    Leggi di più
    La somma raccolta per abbracciare Pietro
    “E questo da dove arriva?” chiedo. “Lui my brother” risponde Manégia (credevo fosse il suo nome; poi ho scoperto che è “manager” pronunciato all’africana). “Lui nato first child, Napoli…non soldi per andare, capito?”. Non ho capito niente, così con pazienza ricostruisco la vicenda e scopro che il giovane da Napoli era venuto a Bergamo alla […]
    Leggi di più