I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per ulteriori informazioni leggi la Privacy Policy

mercoledì 12 luglio ’17

XIII settimana del tempo ordinario

 

nella fotografia un quadro di Jean-François Millet 

 

 

Proverbio del giorno (dalla Bibbia)

Meglio incontrare un’orsa privata dei suoi cuccioli, che uno stolto in preda alla follia.

 

Iniziamo la giornata pregando

Ti benedico, o Padre, all’inizio di questo nuovo giorno. Accogli la mia lode e il mio grazie per il dono della vita e della fede. Con la forza del tuo spirito guida i miei progetti e le mie azioni: fa’ che siano secondo la tua volontà. Liberami dallo scoraggiamento davanti alle difficoltà, e da ogni male.
Rendimi attento alle esigenze degli altri. Proteggi col tuo amore la mia famiglia. Amen.

 

SS. Nabore e Felice

soldati di origine nordafricana, arrivati a Milano nel IV secolo per servire nell’esercito di Massimiano. Divennero cristiani e, a Lodi Vecchio, furono giustiziati per aver disertato: si trattava in realtà di un’«epurazione» dei cristiani dai ranghi militari. Il loro culto decadde, fino a che nel XIII sec i francescani non lo ravvivarono.

 

Ascoltiamo la Parola di Dio Mt 10,1-7.

Chiamati a sé i dodici discepoli, Gesù diede loro il potere di scacciare gli spiriti immondi e di guarire ogni sorta di malattie e d’infermità. I nomi dei dodici apostoli sono: primo, Simone, chiamato Pietro, e Andrea, suo fratello; Giacomo di Zebedèo e Giovanni suo fratello, Filippo e Bartolomeo, Tommaso e Matteo il pubblicano, Giacomo di Alfeo e Taddeo, Simone il Cananeo e Giuda l’Iscariota, che poi lo tradì. Questi dodici Gesù li inviò dopo averli così istruiti: «Non andate fra i pagani e non entrate nelle città dei Samaritani; rivolgetevi piuttosto alle pecore perdute della casa d’Israele. E strada facendo, predicate che il regno dei cieli è vicino.»

 

Riflessione Per Il Giorno (Maria Veronica Degwitz)

Il giusto equilibrio nella genitorialità potrebbe consistere nell’essere sufficientemente vicini senza soffocare e nell’essere sufficientemente lontani senza abbandonare. Un aspetto importante di questo equilibrio sta nella risoluzione dei problemi: ogni volta che facciamo per un bambino qualcosa che potrebbe fare da solo lo stiamo danneggiando. Ogni volta che vogliamo “salvarlo”, svolgendo un compito da lui dimenticato o ogni volta che rimuoviamo un ostacolo dal suo cammino, gli stiamo togliendo la possibilità di crescere a livello di carattere, personalità e indipendenza. Il compito di un genitore è rendere i figli capaci di affrontare la vita, dando loro gli strumenti per poter lavorare e stando al loro fianco per rialzarli ogni volta che cadono. Ma se cerchiamo di evitare che cadano non saranno mai in grado di affrontare l’esperienza e di affrontare la soddisfazione di superarsi. L’altra faccia della medaglia è l’abbandono: i genitori troppo preoccupati per la loro vita e convinti che i figli non hanno bisogno di loro, sono semplicemente genitori assenti.

 

Intenzione del giorno

Preghiamo perché la Chiesa non tema la povertà e la sofferenza, ma il potere e la ricchezza

 

Don’t forget! Le chiese più antiche del mondo

 

Basilica SS Cosma e Damiano, Roma. Nel cuore del Foro di Vespasiano, fu costruita sulle rovine del Tempio di Romolo, eretto nel IV sec dall’imperatore Massenzio. Nel VI sec una parte del tempio fu ceduta a papa Felice IV, che la rese Basilica e la consacrò a S. Cosma e Damiano. Nel secoli XVI e XVII subì modifiche, ma conserva ancora i mosaici bizantini del VI sec.

 

Share This Story!

About Author

You may also like

No Comment

You can post first response comment.

Leave A Comment

Please enter your name. Please enter an valid email address. Please enter a message.